BM: anche su Busseto buoni segnali

MORTARA, 5 ottobre 2019 – Terza vittoria consecutiva nei primi tre test di inizio stagione per la formazione allenata da Coach Maranesi che dopo Saronno (in trasferta ed in casa) si è confrontata con Avis Busseto ritrovando aldilà della rete l’ex centrale Luca Testagrossa. L’amichevole si è tenuta al palazzetto di Mortara, grazie alla sinergia tra Garlasco e alcune delle società locali, come appunto lo Stars Volley di Nicola Marseglia. Nell’allenamento congiunto con la formazione emiliana i ragazzi del Volley 2001 Garlasco si sono presentati saldi in ricezione consentendo al capitano e palleggiatore Savino Di Noia di utilizzare tutte le soluzioni a sua disposizione. “Nonostante si tratti di una squadra parecchio cambiata rispetto alla scorsa stagione vedo davvero un ottima sintonia e – dice la presidente Silvia Strigazzi che ha seguito tutti i test sul campo finora – sbagliamo poco e riusciamo ad imporre il nostro gioco sin dall’inizio, perchè comandiamo noi la partita. Questo nelle prime tre uscite, c’è molta collaborazione tra veterani e giovani, si parlano molto tra loro. Vedo davvero un bell’ambiente, un bel clima. Non voglio fare paragoni con la scorsa stagione, ma posso certamente dire che il piglio in ricezione è proprio di un altro livello e c’è davvero l’entusiasmo e impegno da parti di tutti gli attaccanti ad apportare il proprio contributo in fase realizzata”. Ad entrare nel merito delle prestazione l’attaccante Riccardo Miglietta: “Siamo andati bene, a parte alcune situazioni di malintesi che ovviamente, prendendo confidenza con il gioco e i compagni, andranno a posto “da sole”. Stiamo lavorando molto sul migliorare aspetti della tecnica: noi attaccanti di palla alta ci stiamo allenando sul colpo a braccio disteso, sul salto verticale e praticamente su ogni aspetto che porti a passare sopra il muro o comunque a colpirlo sulla parte alta in modo da migliorare l’efficienza ed evitare le murate secche dovute alla chiusura del colpo.Gli avversari sono stati sicuramente ostici nonostante il risultato finale, la nostra bravura è stata nel metterli sotto con alcuni break in modo da portarci avanti con il punteggio e giocare un po’ più tranquilli”.

Attachment