BM: altri tre punti messi in saccoccia!

Erreesse Pavic Romagnano – Volley 2001 Garlasco: 1-3

Parziali set: 30-28, 28-30, 25-21, 25-19

Punteggi individuali: Cardona 27, Signorelli 15, Ceccoli 8, Antonaci 8, Testagrossa 10, Di Noia 2

GARLASCO, 5 novembre 2018 – Vincono per 3-1 in trasferta i ragazzi della B Maschile che possono celebrare la seconda vittoria consecutiva e si preparano per il prossimo appuntamento casalingo di domenica.

Coach Guido Malcangi legge così il match: “E’ stata una partita complicata fin dall’inizio per il campo difficile, i palloni Molten che non utilizziamo di solito in allenamento e la trasferta in sè stessa. I ragazzi sono stati bravissimi a lottare durante tutta la partita visto che siamo sempre stati punto a punto: tant’è vero che il primo eravamo sotto 24-21 e l’abbiamo ribaltato noi, mentre nel secondo è successo il contrario. Le cose non sono venute perfettamente, ma siamo riusciti a restare sempre concentrati con buona tecnica e lucidità anche nei momenti difficili. La sensazione è quella che stiamo lavorando per diventare una squadra sempre più coesa e compatta che riesce a sostenere l’urto degli avversari. In attacco abbiamo un potenziale davvero eccellente e quando tutto fila liscio riusciamo  ad aggredire molto con i nostri attaccanti. Oltre a Mike, anche Signo ha giocato un’ottima partita, andando in crescendo dal secondo set in poi, dopo le difficoltà riscontrate in ricezione nel primo set.

Stessa lettura di gara proprio per lo schiacciatore Luca Signorelli: “Giocare a Romagnano non è semplice – per me in particolare ritrovare ex compagni ed allenatore –  nonostante gli avversari forse abbiano meno qualità tecnica di altri incontrati finora, il campo si è dimostrato impegnativo. Siamo stati bravi a reagire alle difficoltà, soprattutto in ricezione che è un po’ il nostro punto debole di squadra, tenendo testa agli avversari e andando a prenderci altri tre punti importanti. Personalmente questo per me è il primo anno da laterale ricevitore e sicuramente questo è il fondamentale in cui devo crescere di più, in attacco mi trovo bene e nonostante non sia un trascinatore per il mio modo di esultare cerco sempre di restare molto lucido e concentrato durante la gara. A questo livello la differenza la fa chi commette meno errori e rimane più in partita e sicuramente il bello di questo ruolo è proprio la maggior partecipazione nelle azioni di gioco rispetto al gioco dell’opposto, che resta fuori dalla ricezione. Anche a muro devo fare di più perchè è sempre stato un fondamentale in cui mi trovavo un po’ in difficoltà nonostante i centimetri e cambiando di ruolo sono cambiati anche i riferimenti. Sono davvero soddisfatto di spogliatoio e società, abbiamo un organico coeso con gente di molta esperienza che però si rimette in gioco e giovani a volte un po’ “arrogantelli”, ma volenterosi. Ho grande stima di Guido e credo che passato il primo periodo in cui bisognava conoscersi ed imparare a parlare la stessa lingua ci stiamo avvicinando a giocare nel modo in cui una squadra come la nostra può fare. Dobbiamo stare uniti, lavorare, essere sfrontati laddove stanno i nostri punti di forza, soprattutto in attacco, e migliorare per ridurre la fatica che facciamo in ricezione, fondamentale dove siamo più deficitari.”

Attachment