B2F: stop a Marudo, approccio sbagliato secondo Coach Angelescu

GARLASCO, 7 ottobre 2019 -Finisce per 3/1 il test match in casa della Tomolpack Marudo delle ex Mazzochi, D’Adamo e Cozzi per le nostre ragazze di serie B2. Oltre al risultato è mancata soprattutto la prestazione e la reazione ad un approccio più aggressivo da parte delle avversarie: ecco i commenti dei coach Angelescu e Becca.

Coach Madalina Angelescu: “L’approccio sbagliato e l’atteggiamento remissivo hanno condizionato la prestazione generale della squadra che non è mai riuscita ad esprimersi al giusto valore. Dall’altra parte ho visto invece un Marudo molto motivato e agguerrito, soprattutto con la Cozzi in grande spolvero. È chiaro che il risultato finale non mi ha fatto piacere e che ha evidenziato certe lacune sulle quali stiamo lavorando; penso anche che una “doccia fredda” possa solo migliorare le cose. Per ottenere risultati importanti servono più umiltà, più spirito di squadra e tanta voglia di non risparmiarsi mai. Credo che le motivazioni e le aspirazioni facciano spesso la differenza, compensando in tante occasioni limiti tecnici o tattici. Ovviamente perdere un’amichevole non è una tragedia, personalmente continuo ad avere tanta fiducia e stima per le mie ragazze e sono sicura che reagiranno nella maniera più giusta possibile, cercando di dare il massimo per la squadra e per la società che rappresentano. Solo così potremo portare a casa dei bei risultati durante la stagione”.

Coach Gianluca Becca: “È stata una partita nella quale abbiamo faticato molto… le avversarie hanno fatto una buona gara, noi ci siamo approcciate in maniera sbagliata al campo con un atteggiamento subito remissivo… le avversarie sono state brave a metterci subito sotto e sfruttare ogni minimo spazio che gli abbiamo lasciato. È stata quella che viene comunemente chiamata “una partita sbagliata”.
Non ha funzionato il nostro gioco, abbiamo faticato in tutti fondamentali e non siamo riuscite a sfruttare “la forza del gruppo” per rimetterci in carreggiata. Qualcosina di positivo si è visto solamente nel set portato a casa, ma anche in quel frangente si è faticato parecchio. Le settimane di lavoro procedono e sono sempre intense, alla ricerca della forma fisica ottimale e dei nostri meccanismi tecnico/tattici per arrivare al via del campionato al meglio possibile. Bisogna cancellare la prestazione ma non dimenticarla. Dobbiamo sfruttare questo passo falso al meglio per capire ancora di più su cosa bisogna lavorare in maniera ancora più minuziosa.”

Attachment